I greci tornano alla dracma?

Pare che la CDU tedesca abbia chiesto a Angela Merkel di premere affinché la Grecia torni a utilizzare la dracma per pagare gli stipendi dei funzionari pubblici e le loro pensioni. I greci dovrebbero approfittarne per rivalutare il loro conterraneo Aristotele, che sui soldi la sapeva lunga. Ricordo un suo concetto molto carino e un po’ grillino antelitteram [poi spiego perché]: il denaro non fa altro che rappresentare le merci più ingombranti e intrasportabili da utilizzare nel baratto. Se un bue vale cinque pecore, è più pratico portarsi dietro una dozzina di monete equivalenti a cinque pecore e comprarsi il bue. Cioè il denaro deve scorrere ininterrottamente e non va accumulato né risparmiato perché è un mezzo pratico e indispensabile per scambiare beni, non per fare debiti e ritrovarsi nella merda attuale. Il legame con Grillo lo vedo in quell’aurea battuta del “comico genovese”: Perché trasportate trecento tonnellate di biscotti da un capo all’altro dell’oceano invece di scambiarvi la ricetta?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Economia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a I greci tornano alla dracma?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...