Albicocche da Tiffany

Per trovare albicocche che sanno di albicocca ho dovuto comprarne un cofanetto da nove al supermercato. Proprio un cofanetto di plastica, coi frutti contati: nove squisite albicocche in fila per tre. Non ho nemmeno osato guardare il prezzo, le ho messe nel carrello e basta; una situazione era analoga alla scena del film 2022: I sopravvissuti (Soylent Green) in cui Charlton Heston porta orgogliosamente a Edward G. Robinson un pomodoro e pochi altri cimeli alimentari reperiti a fatica. Cioè mi hanno costretto a accendere un mutuo per comprare nove saporite albicocche che nella mia infanzia si prendevano a dozzine dall’ortolano sotto casa. L’origine del problema, tipico di chi vive in una Gomorra come Milano, è nota: la frutta viene colta perlopiù acerba, tramortita in frigorifero e poi rianimata in forno tiepido per essere messa in vendita ancora acerba, insapore e inodore. Se vuoi frutta fresca, oppure carne un po’ meno gonfia d’acqua, paghi. Quindi, quando sentite qualcuno blaterare: “L’agricoltura industriale significa più benessere per tutti, indietro non si torna”, innanzitutto gli date un calcio nelle palle da parte mia. Dopodiché gli fregate tutte le albicocche.

UPDATE: Sono tornato al super stamattina. Esaurite le albicocche di lusso, rimangono quelle frigoriferate.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Al supermercato e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Albicocche da Tiffany

  1. La Massaia (ex Maestrina) ha detto:

    Ti posso dare un consiglio? Vai al mercato. Io ho scoperto un mondo. La frutta costa la metà ed è (quasi) come quella da piccoli. I mercatari si riforniscono ai mercati generali, dove la roba arriva dalle campagne, mentre i supermercati hanno la filiera loro e le albicocche tue le hanno raccolte tre mesi fa a Mogadiscio. Prova il mercato rionale e poi mi sai dire. 😉
    Non so a Milano, ma qui a Roma vanno anche tanto i negozi di frutteria gestiti dai “bangladescini”: stessa qualità del mercato, forse anche migliore, roba stupenda e squisita, prezzi analoghi al supermercato.
    Da quando ho fatto queste scoperte al super non ci compro più neanche una mela.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...