Come una volta

Ieri notte ho incrociato due ragazzi ubriachi marci. Ubriachi come quelli dei vecchi film, ciascuno puntellato dalla spalla dall’altro e tutti e due che camminavano barcollando, con la bottiglia di birra tenuta per il collo. Non cantavano come ubriachi, e a un certo punto uno dei due, sbandando, si è schiantato contro la serranda di un negozio, si è seduto sullo scalino e s’è preso la testa fra le mani. Decenni fa, in piazza Tricolore, viveva un clochard che scolava la bottiglia di vino, poi pazientemente la metteva a testa in giù sul marciapiede [tipo rock balancing, v. sotto] e le faceva lunghi discorsi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in In strada e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Come una volta

  1. manuela ha detto:

    Forse il ragazzo rifletteva….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...