Brindisi di morte

“Come mai non scrivi nulla sulla bomba di Brindisi?” Buona domanda. Prima risposta: perché ne scrivono altri più competenti di me. Un blogger dilettante da 20 accessi (quando va proprio molto bene) non può aggiungere granché alla già sovrabbondante dietrologia: Veltroni, per esempio, “non escluderebbe” la vendetta di un innamorato respinto. E io che faccio? Leggo che è anche molto gettonata “la strage di Stato”. E perché no? Se brancolando nel buio ci chiediamo chi può trarre vantaggio da una strage, trovare un mandante diventa un semplice esercizio di fantasia: i servizi deviati, la mafia, l’innamorato deluso, i partiti, Unabomber, i venditori della Folletto, i Testimoni di Geova, la massoneria oppure Amnesty International, con qualche acrobazia potremmo trovare un buon motivo per ognuno di essi. Le bombe parlano, e durante la guerra gli inglesi erano sicuri che radendo al suolo la Germania avrebbero convinto i tedeschi a ribellarsi a Hitler. Manco per le palle, il messaggio non venne recepito. Una bomba, qualsiasi bomba, produce però sempre l’effetto di serrare i ranghi intorno alla bandiera, al governo, al presidente, alla polizia, ai buoni contro i cattivi. Una bomba è conservatrice per sua natura, difatti le prime parole dei politici sono invariabilmente uno spot autoconservativo più o meno volontario: “Lo Stato saprà rispondere”. Stringiamci a coorte, chi potrebbe opporsi a queste buone intenzioni? Significa che la bomba a Brindisi l’ha messa Monti? Certo che no, fino a prova contraria. Significa solo che qualsiasi governo riceve da una bomba un momentaneo dividendo di popolarità riflessa, una luce lunare di spontanea pubblica empatia. Per ora rimane la certezza di una ragazzina morta, un’altra che pare perderà le gambe – che a me sembra quasi come ucciderla -, e poi i feriti, i mutilati, il trauma. Ciò che potevo dire l’ho detto, la giustizia degli umani, la magistratura, lavora per darci le risposte che contano davvero. Forse.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Brindisi di morte

  1. manuela ha detto:

    mi piace molto questa analisisocio-politica!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...