Un funerale fa ridere di più

La tristezza che la politica mi mette addosso non si può paragonare a un funerale. In un funerale, almeno c’è emozione, passione, dolore, vite sconvolte. Nella politica c’è solo il morto. Li avete guardati attentamente in faccia, lontano dalle lauree finte appese al muro? Cambiavalute clandestini, medici falliti, ladruncoli di benzina, filosofi bolliti, puttanelle da calendario, biscazzieri mascherati da economisti, vecchi sorci di partito circondati di bandiere, arricchiti sociopatici, scrofe ricettatrici di diamanti. La loro “seria riflessione” e “la gravità del momento” mi fanno cagare, e infatti sto scrivendo dal cesso. Sappiamo che se la ridono dei terremoti e della facilità con cui ci fottono, alcune della loro specie piangono anche, ma solo in favore di telecamera; però ci facciamo impressionare quando ostentano compunti una serietà che non hanno, agitandola come un randello mentre dietro di loro si muovono furtivamente brutti ceffi e guardiani del tesoro che andrebbero spediti da Torino a Lione a schiaffi e calci in culo. Giù dalle brande, italians.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in In casa, Politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...