Il sinistrese no!

Mi considero di sinistra, ammiro i no TAV, Anonymous e tutti gli altri rompicoglioni che vogliono fuckare the system, fottere il sistema. Uno psicanalista troverebbe in me, oltre a qualche tonnellata di nevrosi ansiogene, la sindrome del giocatore di scacchi: abbatti il re come surrogato del padre da superare. E va bene. Ma non sopporto il sinistrese. Quindi, a mio modesto avviso, il momento di aggregazione, il momento di riflessione e il momento in generale se li dovrebbero proprio mettere nel culo. Le parole sono importanti, usarle per nasconderti non ti servirà: sgamerò comunque il piccolo Berlusconi che è in te. Se invece parli come mangi dopo aver buttato nel cesso il manuale di sindacalese anni Settanta, entriamo subito in sintonia e farai molta più sinistra, compagno. Per la verità ne avrei anche per la comunicazione d’impresa e analoghe seduzioni made in Milano, devastanti come la sifilide e fastidiose come una mosca sulla brioche. Ma magari un’altra volta.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...