Sarto pigliatutto

Forse dovrei dire qualcosa sulla tragedia greca (non è una battuta) e sui piccoli grandi eroismi del popolo ateniese, ma c’è chi ne sa più di me. Oggi, piuttosto, mi fa incazzare un noto sarto veneto che ha comprato un intero palazzo a Rialto per aprirci un megastore di golfini. Come sbloccare in una settimana una pratica edilizia nella città più tutelata del mondo? Basta ricaricare le casse comunali con 6 milioni di euro in contanti: ma non chiamatela stecca, è tutto perfettamente in regola e i dettagli della storia li trovate qui. Se potete, evitate di comprare da Benetton, che non sta “portando lavoro a Venezia”: sta solo aprendo una bancarella al coperto di spolverini cinesi con vista panoramica e l’immancabile archistar che firma le scale mobili e gli copre le spalle. Il lavoro è un’altra cosa, non va scambiato con la rete vendita e non prevede bottegai né troppi intermediari, anche se i veneziani sembrano restii ad accettarlo: anni fa, alle Mercerie, notai certi “vetri di Murano” con l’etichetta “Made in Hong Kong” ben in vista. Benvenuti nel liberismo globale (anche se spero di uscirne presto).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...